8 esercizi per “disintossicarsi” dall’approvazione sociale

1. Rifletti sulle conseguenze: fare qualcosa per essere apprezzati dagli altri può effettivamente raggiungere l’obiettivo. Gli altri ci ringraziano, ci lusingano ecc. Ma ci rimarrà il dubbio: hanno fatto quel complimento alla vera me? Alla me più autentica? O a una costruzione forse poco spontanea e reale di me stessa? La conseguenza quindi è non scoprire se gli altri ci apprezzerebbero “al naturale”, e il nostro sé continuerà a sentirsi inadeguato e, indovina? In cerca di approvazione. Fare qualcosa solo per essere apprezzati dagli altri innesca come conseguenza un circolo vizioso in cui, alla fine, nel nostro profondo, non ci sentiamo mai adeguati.
2. Fai piccoli esperimenti: inizia dall’ambito di vita che ti procura meno ansia e da piccoli comportamenti. In sostanza individua cose che non fai nel timore di non piacere agli altri… e falle! Una piccola cosa ogni giorno, per due settimane. Sperimenta!
3. Rifletti sulle cause: dove e quando e da chi hai imparato che il giudizio degli altri è qualcosa da temere? Sei sicura che ora, da adulta, hai ancora motivo di averne paura?
4. Usa una visione d’insieme: immagino ti sia capitato più volte di esprimere un giudizio negativo su una persona a cui vuoi bene o di non approvare qualche suo atteggiamento. Passata la rabbia e il disappunto, hai forse smesso di volerle bene o di pensare cose belle di quella persona? Credo di no. E lo stesso vale per te: quando una persona cara ti disapprova, lo fa in quel momento (che finirà), non sta smettendo di amarti!
5. Scegli: a volte nel cercare di piacere a tutti dimentichiamo che… non tutti ci piacciono! Sei sicura di voler utilizzare tante energie nel voler piacere a qualcuno che a te non piace? Scegli a chi dare il meglio di te.
6. Non “patologizzare” per forza: tutti amiamo piacere. Quindi, semplicemente, a volte accetta questo lato di te con leggerezza, ché leggerezza non è superficialità, ma a volte è saper giocare, sorridere, accettare.
7. Mantieni una salda connessione con le tue emozioni e le tue sensazioni: a furia di fare le cose per ottenere approvazione altrui, si rischia di non riconoscere più i propri desideri e le proprie preferenze. È importante allora ascoltarsi con attenzione: cosa desidero? Mi va realmente di fare questa cosa o no? Cosa mi dice la “pancia”? Facciamo in modo di farcele più spesso possibile, queste domande, e agiamo il più possibile sulla base delle risposte.
8. Chiedi aiuto: sai che hai questo problema, ma proprio non riesci a cambiare? È frequente, soprattutto quando determinati atteggiamenti sussistono da tanto tempo ed hanno alle spalle ferite profonde. Chiedi aiuto a un professionista… potrebbe essere un viaggio tanto intenso quanto meraviglioso dentro di te. 

Chi è il leader?

“La formazione dei nuovi leader non passa più esclusivamente attraverso l’apprendimento di conoscenze e abilità, ma attraverso un costante monitoraggio di dinamiche intrapsichiche ed interpersonali, funzionale per formare i nuovi leader alla consapevolezza di sé, al dialogo interiore, alla capacità di decidere e rischiare e a quella competenza relazionale, intesa come potenzialità idonea a gestire risorse umane e come fondamentale attitudine alla comprensione di sé e dell’altro all’interno di una comunicazione che si presenta secondo modalità sia esplicite che implicite, intenzionali ed inintenzionali.” (Nanetti)

Leggi di più

Love: quando la Psicologia incontra… Netflix

Per un "non addetto" ai lavori, termini come Disturbo Borderline di personalità, comunicazione passivo-aggressiva, Disturbo Dipendente e Co-dipendente possono sembrare astratti e poco collegati con la realtà.

Vorrei dunque presentare questa serie tv che, utilizzando l'ironia (e non solo) riesce a raccontare perfettamente...

Leggi di più

“Con l’anno nuovo inizio a… “: 7 suggerimenti per rendere effettivi i nostri propositi

Molti di noi, con l’avvicinarsi del Capodanno, fanno dei buoni propositi: smettere di fumare, iniziare un’attività sportiva, ritagliarsi più tempo, impegnarsi di più in qualcosa ecc. L’anno nuovo ha il profumo di opportunità, di una seconda chance, di possibilità. Ecco allora dei semplici suggerimenti per fare in modo che tali propositi non sfumino dopo pochi giorni, ma diventino effettivamente una nostra buona e sana abitudine.

Leggi di più