Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC)

Le persone con disturbi ossessivi compulsivi hanno pensieri persistenti che li spaventano (ossessioni) e usano i rituali (costrizioni) per controllare l’ansia prodotta da questi pensieri ma la maggior parte delle volte i rituali finiscono col controllare loro stessi…

Una testimonianza:

Non potrei fare qualcosa senza rituali. Hanno invaso ogni funzione della mia vita. Ad esempio per me cinque è un buon numero fortunato ed uno non lo è. Ci metto più tempo a leggere perché conto le linee in un paragrafo. Quando ho regolato la sveglia, ho dovuto regolarla in modo che non formasse un numero sfortunato„
“Sapevo che i rituali non avevano senso e mi vergognavo profondamente di averne, ma non sembravo riuscire a superarli fino a che non andai in terapia.„
“Vestirsi la mattina era duro, perché avevo una procedura e se non seguivo la procedura, diventavo ansioso e mi dovevo rivestire nuovamente. Mi sono sempre preoccupato che se non avessi fatto qualcosa i miei genitori sarebbero morti. Avevo continuamente pensieri terribili di far del male ai miei genitori. Questo era completamente irrazionale, ma i pensieri innescarono più ansia e più comportamenti insensati. A causa del tempo che spendevo con i rituali, io non potevo fare molte cose che erano importanti me.

brain-962588_960_720

Le persone con disturbi ossessivi compulsivi hanno pensieri persistenti che li spaventano (ossessioni) e usano i rituali (costrizioni) per controllare l’ansia prodotta da questi pensieri ma la maggior parte delle volte i rituali finiscono col controllare loro stessi.
Per esempio, se la persona è ossessionata con i germi o la sporcizia, può sviluppare una costrizione a lavare le mani più e più volte. Se sviluppa un’ossessione con gli intrusi, può aprire e chiudere a chiave le porte molte volte prima di andare a letto. Essere impauriti dalla fobia sociale può spingere le persone a pettinarsi i capelli compulsivamente e succede che a volte restino catturate davanti uno specchio senza riuscire ad allontanarsi da esso. Adempiere a tali rituali non è piacevole. Nel migliore dei casi, produce un sollievo temporaneo dall’ansia generata dai pensieri ossessivi. Altri rituali comuni sono la necessità di controllare ripetutamente le cose, toccare le cose (particolarmente in una sequenza particolare), o contare le cose. Alcune ossessioni comuni includono avere frequenti pensieri violenti e far del male alle persone amate, pensare con insistenza ad atti sessuali sgradevoli o ad avere pensieri che sono proibiti dalle credenze religiose. La gente con disturbi ossessivi compulsivi può anche essere fissata con l’ordine e la simmetria, ha difficoltà a gettare le cose (che accumulano), o raccoglie oggetti non necessari. Anche la gente in buona salute ha rituali, come controllare per vedere se i fornelli sono spenti parecchie volte prima di uscire di casa. La differenza è che le persone con DOC eseguono i rituali anche se farli interferisce con la vita quotidiana e trovano angosciante la ripetizione. Anche se la maggior parte dei adulti con DOC riconoscono che quello che stanno facendo è senza senso, alcuni adulti e la maggior parte dei bambini potrebbero non rendersi conto che il loro comportamento è fuori dall’ordinario. Il sisturbo ossessivo compulsivo (DOC) interessa circa 0.5 milioni di adulti italiani; il problema può essere accompagnato da disturbi alimentari, altri disturbi d’ansia o da depressione. Colpisce uomini e donne approssimativamente nello stesso modo e solitamente compare nell’infanzia, adolescenza, o nella prima età adulta. Un terzo degli adulti con DOC sviluppano i sintomi da bambini e la ricerca indica che DOC potrebbe essere in atto nell’intera famiglia. Il corso della malattia è abbastanza vario. I sintomi possono venire ed andare, diminuire col tempo o peggiorare. Se DOC diventa serio può impedire a una persona di lavorare o portare avanti le normali attività domestiche. Le persone con DOC possono tentare di aiutarsi evitando le situazioni che innescano le loro ossessioni o usando alcool o droghe per calmarsi. La persona con disturbo ossessivo compulsivo reagisce solitamente bene al trattamento con determinati farmaci e/o alla psicoterapia di esposizione in cui la gente affronta le situazioni che causano il timore o l’ansia e diventa meno sensibile (desensibilizzata) a queste. Sono in corso ricerche su nuovi metodi di trattamento per la gente che non reagisce bene alle terapie usuali. Questi metodi includono trattamenti aggiuntivi o in combinazione così come tecniche moderne quale la stimolazione profonda del cervello.

(articolo tratto da www.ansia-panico.net)

Condividi su:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page